La pashmina: come indossarla per dare una marcia in più al proprio look

by mercoledì, maggio 15, 2019

La pashmina: come indossarla per dare una marcia in più al proprio look. Sono spesso utilizzati come sinonimi, ma pashmina, sciarpa e foulard differiscono tra loro per diverse caratteristiche. Etno-chic, ricercata e preziosa, la pashmina è un accessorio glamour realizzato con filati finissimi.

La sciarpa, uno degli accessori in assoluto più caldi e avvolgenti, nasce con lo scopo principale di riparare dal freddo, può essere di pile, di lana o di altri tessuti morbidi e spessi. Il foulard, invece, è un fazzoletto di seta o di cotone dalle dimensioni ridotte che lo rendono un perfetto complemento di stile da annodare al collo, sulla testa o ai manici della borsa.

Origini e caratteristiche della pashmina

La pashmina è un accessorio antico, nasce in India e deve il suo nome alla lana finissima con cui viene realizzata. Si tratta di una rinomata varietà di lana cashmere ottenuta dal manto delle capre Hircus della catena dell’Himalaya. Si tratta di una fibra preziosa che rende le pashmine un accessorio elegante, adatto a scaldare il collo d’inverno e nelle mezze stagione, ma soprattutto ad impreziosire gli outfit con un tocco di classe.

Proprio in virtù della natura preziosa e raffinata della pashmina, nell’antichità quest’accessorio veniva indossato nelle occasioni importanti. Nel corso dei secoli il capo ha valicato i confini dell’India, divenendo un must da indossare in tutto il mondo, apprezzato per comodità e pregio. Dal XIX secolo la pashmina viene esportata in Occidente e il termine diviene di uso comune per indicare scialli di cashmere pregiati e di ampie dimensioni.

Nel tempo è cambiata anche la realizzazione delle pashmine: a fianco ai tradizionali modelli in lana pregiata, vengono oggi realizzate pashmine da donna in infinite tonalità e fantasie con materiali come il cotone, la viscosa e il lino. Resta invariata, invece, una delle caratteristiche distintive di questi scialli, ovvero le dimensioni importanti, che consentono di indossare le pashmine avvolgendole come fossero un mantello: nella tradizione indiana venivano infatti portate sopra gli abiti tipici.

I consigli per indossarla con stile

Esistono pashmine di ogni colore e fantasia che si prestano a completare e impreziosire ogni outfit, sia d’inverno, per tenere la gola al caldo, sia d’estate, per riparare il collo da aria condizionata e brezza serale. Nei mesi più freddi la pashmina di lana può essere indossata sopra la giacca a vento o il cappotto. In primavera una pashmina di cotone può essere abbinata al giubbotto in jeans  o al chiodo per un look casual-chic.

La pashmina si può arrotolare completamente intorno al collo, si può ripiegare longitudinalmente in due facendo poi passare le code esattamente attraverso la sua metà o si può annodare in stile arabeggiante: sono tutti trucchi per indossare quest’accessorio in modo easy e alla moda. La pashmina, tuttavia, si presta a essere utilizzata anche in occasioni più formali ed eleganti, come le cerimonie.

Un modello realizzato con una foggia di pregio si può impiegare per coprire le spalle durante un rito religioso, come un battesimo o un matrimonio, indossandolo come una stola in modo tale che ricada sulle braccia così da coprirle. Anche le star adorano quest’accessorio: Carla Bruni, nel ruolo di first lady di Francia, usava portare la pashmina all’indiana, ovvero avvolta intorno al busto, anche nelle uscite pubbliche. Angelina Jolie invece porta la pashmina delicatamente appoggiata sulle spalle, dando così vita ad un gioco di drappeggi.

pashimina

No Comments Yet.

What do you think?

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.